Destinazione 9: BARCELLONA (SPAGNA)

 

 

A cura di Fabrizio Li Vigni

La città:

 

Barcellona, capitale della regione Catalogna, è una città di 1.600.000 abitanti. Con tutto il comprensorio urbano che la circonda, composto da comuni indipendenti ma uniti ad essa senza soluzione di continuità, si arriva a più di 3 milioni. È una città a misura d’uomo, con le caratteristiche di una metropoli, senza avere gli aspetti negativi di essa. La qualità della vita è infatti proverbiale. Il traffico è limitato, la metropolitana copre tutta la città, gli autobus sono numerosissimi, e quando la notte la metro chiude, vengono attivati i bus notturni (NitBus), che passano ogni venti minuti e che non necessitano di un biglietto diverso da quello del metro e dei bus diurni. Consigliato è l’abbonamento mensile che costa poco meno di 50€, ma che dà accesso a tutti i mezzi di trasporto pubblici cittadini, compresi tram, ferrocarril (treni regionali), la funicolare e in certi casi la RENFE (treni nazionali). Estremamente raccomandato è l’abbonamento al Bicing, il servizio pubblico di biciclette, che permette di fare brevi spostamenti in pochissimi minuti e a un prezzo irrisorio: costa infatti soli 30 euro l’anno.

 

Il divertimento:


Il centro storico, o Ciutat vella (catalano per città vecchia), è composto da Raval e Barrio Gotico, due quartieri divisi in mezzo dalla celeberrima Rambla lunga un chilometro e trecento metri, delimitata a nord dalla grande e famosa Plaza Catalunya e a sud dal Monumento a Colombo. Dando le spalle al mare, il Raval si trova a sinistra e il Barrio Gotico a destra. Nella città vecchia, un’area tutto sommato piccola, hanno sede alcune università, alcuni importanti musei, molti negozi e soprattutto i luoghi del divertimento più popolari tra i giovani, compresi gli Erasmus.

A Plaza Real, nel Barrio Gotico, si trova ad esempio la discoteca Jamboree, un posto frequentato da un pubblico senza pretese che si diverte a ballare musiche R’n’B, Soul e Pop. È un luogo perfetto dove fare conoscenze, senza timore di essere guardati male. Nel Raval, invece, proprio di fronte alla fermata del metro Parallel, si trova la discoteca Apolo, che il lunedì è in assoluto il punto di ritrovo preferito dai barcellonesi, dagli stranieri e dagli Erasmus. Se volete riuscire ad entrare, è meglio che vi mettiate in fila già a mezzanotte! Ma è il Razzmatazz che un giorno a settimana raccoglie tutti gli Erasmus della città: la discoteca, un po’ defilata dal centro storico, ma raggiungibile in appena tre fermate di metro da Plaza Catalunya, ha cinque enormi sale e prevede l’ingresso gratuito agli Erasmus ogni mercoledì. Anche molto famose sono le discoteche Catwalk, Shoko e Opium Mar, tutte site una vicino all’altra sulla spiaggia di Barceloneta. Ma l’ingresso qui costa un po’ più caro e lo stile del pubblico è più sostenuto. In ogni caso sono tra le più gettonate nel fine settimana.

Per bere a poco prezzo, i pub in centro gestiti da pakistani sono l’opzione migliore, dato che lì un mojito costa sui 3,50€, mentre nel resto della città va da 5-7€ fino a 14! I venditori ambulanti che tappezzano il centro urlano un costante “Cerveza beer” proponendovi la Estrella in lattina a un euro. Personalmente non la amo, ma è il modo più economico per disinibirsi, se questo è l’obiettivo.

Infine, la zona più gay-friendly della città è quella del Consell de Cent nel quartiere dell’Eixample, a dieci minuti di cammino da Plaza Catalunya. Qui la discoteca più famosa è l’Arena.

 

La casa e il lavoro:


Nella città vecchia, una stanza singola o doppia costa tra i 350 e i 450€ al mese, più spese. È vero che ci si trova in centro, e si può evitare di fare l’abbonamento ai mezzi dato che si ha tutto vicino, ma i palazzi, per quanto affascinanti, sono vecchi e sporchi, senza ascensori e spesso le stanze sono piccole e senza finestra. Nel quartiere dell’Eixample e in quello di Gràcia, gli affitti sono in media leggermente più economici. Ma se si cercano situazioni ancora più abbordabili, è necessario cercare nelle zone più periferiche, come il quartiere di San Martí o nel comune di Llobregat, dove una stanza tutta accessoriata, con finestra e internet può costare 250€ al mese. Tuttavia per giungere in centro necessiterete di 15 o più minuti di metro.

Per cercare lavoro, la cosa migliore è rispondere agli annunci sui siti internet dedicati, mandando per e-mail all’azienda il vostro curriculum in spagnolo completo di una piccola foto in alto a destra e richiedendo una entrevista (spagnolo per colloquio).

 

Libri e link utili:

 

Barcellona l’incantatrice di Robert Hughes, Feltrinelli 2005.

Vivo altrove di Claudia Cucchiarato, Mondadori 2010.

Un sito di italiani a Barcellona con articoli su come vivere, lavorare, cercare casa e anche su notizie culturali, politiche, di costume: http://spaghettibcn.com/

 

La mappa della metropolitana di Barcellona: http://spaghettibcn.com/cartina-trasporti-pubblici-barcellona/mappa-metropolitana-barcellona.pdf

 

Un sito che raccoglie tutti gli eventi culturali (expo, concerti, ecc.) gratuiti a Barcellona e dintorni:

http://www.forfree.cat/

 

Infine il fondamentale LoQuo, sito di annunci di lavoro, case, cose di seconda mano, ecc.:

http://www.loquo.com/es_es

 

Scrivi commento

Commenti: 0

PAGINA ITALIANA

ENGLISH PAGE:

Follow our guide-lines and you won't get lost in the beginning of your experience

Get a flat in the city-center at local prices

Info about parties,

activities and pictures

The craziest party of the year
The craziest party of the year
Teatro Massimo
Teatro Massimo

Beautiful pictures and info about the city

Info about the most known clubs of the city-center

Cannoli
Cannoli

Discover some tasty specialties from our region

Videos of the past years by other International students

Videos of some typical Sicilian song

EXTERNAL LINKS:

OUR FRIENDS: